All rights reserved | Copyright ©2018 | Roberto Melotti

Interview with Roberto Melotti

Interview

"LET'S KNOW EACH OTHER BETTER"

Short dialogue with the nature photographer Roberto Melotti. Edited by Maurizio Maestri. 

(The dialogue was translated from the original Italian one. Some translating errors may occur)

Hello Roberto, let's start with a rather practical question: nature photography, of which you are a talented interpreter, requires the use of bulky and heavy equipment such as lenses, tripod, without counting the camera, camouflage and accessories. But... how heavy is your camera bag? For a beginner nature photographer what would you recommend to bring early to avoid unnecessary weight?

It's true, nature photography requires bulky and heavy equipment, especially if they dedicate themselves to all fields of it that are macro, landscape and animals both from tent blind and photographic hunting. Let's say that there is not perfect camera equipment, because every photographer has his own personal needs, which depend not only on budget, but also by many other factors such as quality, flexibility, weight, size, etc. and everyone looks for his ideal compromise. A beginner has to find this compromise step by step, understanding what is needs are. Basically I suggest to start with a APS-C kit, less expensive both in camera body and lenses compared to full frame kit and it "helps" to photograph the distant animals with the crop factor. A tele lens is still necessary and my suggestion is a tele zoom around 100-400mm or 300/4 with a 1.4x multiplier if it needs. Then, a macro zoom that starts from around 18mm up to short telephoto is just you need at first to cover all kinds of nature photography. If you want to photograph seriously enough then you need a good stable tripod with an equally stable head.

Wildlife photography is now more affordable than once? In other words, the technological progress (bursts of shooting, high iso capability) makes this kind of photography explored by non-specialists, with more than decent results. How important are today equipment performances of on the final result? Why Nikon gear? And in particular which camera and lenses do you use more regularly?

Two factors let us get some images that until about fifteen-twenty years ago only professionals could boast. The first is the advent of digital photography, which extremely reduced costs and let anyone easily edit a photograph in post production. The second factor is the camera technological progress. I mean, in particular, the possibility of exposing to high iso with a low noise, but also the more dynamic range of the sensors and the progress of the autofocus. An extremely fast shutter burst can be useful only in some situations and in any case is less important than sport photography. How important is the equipment in the final result? My point of view, shared by many good photographers, is that matters very little. A modern camera is enough, even an amateur camera, a tele lens not necessarily with a fast wide aperture lens and an allround lens. Important factors are the technique, the experience, to know the subject you want to photograph and a lot of passion and volition, to leave at night and taking pictures at dawn, to stand still with warm or cold wet, to explore new areas, dirtying and struggling with extra pounds on our shoulders. But there is also another very important factor, which I'll discuss later.
Lately I've revolutionized my gear, from APS-C to full frame with a Nikon D810. I currently have a 14mm/2.8 as extreme wide-angle, useful for night photography, having a maximum aperture 2.8, a 16-35mm/4 for landscape photography, a 24-70mm/2.8 as an allround lens. I use a tele zoom 150-600mm for wildlife photography, a 105mm/2,8 for macro and a 70-200mm/4 for landscape details. With this equipment I can cover well enough the opportunities that are presented to me. Using Nikon cameras because currently fitted with a sensor with a greater dynamic range than the competitors, but I'm speaking of details still detectable perhaps only in reviews by laboratory tests.

We often talk about "ethics" in photography. They speak about it often in areas such as reportage or street or scandal photography. But ethics is also important in this genre that requires the photographer to maintain a purity of intent towards the ecosystem trying to take pictures, without applying changes, disturbances or, at worst, a partial (albeit small) destruction. How difficult is the "respect" and the maintenance of the correctness?

In nature photography ethics is very important and it would be the first thing on which I shall focus talking to a beginner (and unfortunately not only). Wildlife photography means to approach wild animals and it is crucial to disturb them as little as possible, especially in the delicate period of nesting. It looks like a very simple concept, but unfortunately ignorance or irresponsibility lead to very serious situations, such as the permanent abandonment of the nest. Nature photography should be, first of all, loving nature in all its aspects. Unfortunately, the adolescent desire of someone to show particular shooting leads to situations which, unfortunately, too often I see the consequences. I can't count the times that I lost the shot not to disturb the animal, but I'm happy, certainly not regretted. The problem, however, is at the source: school-age children should have taught to naturalistic culture a lot more. They should not leave the parents such an important teaching, in most cases quite ignorant about the subject.

Looking at your website at first sight, one is struck by the strong technical ability that you show in your photographs. It is often said that the technique is only a means to an end but in the nature photography seems this border thin, becoming not only the means but also the end, that is you can not ignore the technique, otherwise we would lose the end of the representation of nature. Do you agree?

I am an unconditional lover of nature, in all its aspects and its mysteries. Photography is my personal dedication to its beauty, live and wild, and the technique is the means to express it in all its glory.

In addition to a good theoretical and practical, also a lot of patience is used. Tell us about your own shooting session? How long on average? How do you hide? Do you use any camouflage techniques?

Generally when I'm going to photograph a landscape before I use to read up about the area, I verify on Google Earth sun and shadows evolution, I wait for the best weather photo conditions, I leave at night and arrive on site at dawn to photograph during the golden hour that are those tens of minutes of sunrise and sunset where the light takes on a golden color, but I also love the blue hour, when the sky takes on a blue color in the frame. If I travel, I check anyway aspects mentioned above and try to arrive on the scene in the most favorable conditions.
As for wildlife, I have to distinguish if I use a blind or I am in mobility. In the first case coming mostly at dawn and wait for hours with patience the evolution of events, otherwise I move with a camouflaged clothing and with a camouflage net and/or with a blind tent. This requires the effort of taking along several kilograms of gear through trails that are also often muddy or hard to reach, so rubber boots are often necessary. In winter, the cold and the humidity will test the willingness to wait the animals, but even in summer heat and insects make the wait unbearable at times, especially inside a small blind tent that quickly creates a greenhouse effect.

The moment is more important than ever, how can keep your attention high in long sessions? Do you keep your the eye attached to the viewfinder, or can you "anticipate" the time and know when something is going to happen through the experience and knowledge of the subject being shot?

The wait is often frustrating becouse the conditions written above. Often they are waiting for hours while nothing moves in the territory, but they can not relax, they must always continue to observe because, suddenly, it may appear an interesting subject flying, so they always have ready their camera with right settings. There are situations, however, where the concentration is actually put to the test: for example, it happens that a bird stops on a sprig and after taking pictures statically, you also want to shoot it at takeoff. Sometimes it goes away after a few moments, other times it can take off even after several tens of minutes. Waiting for it to fly away with the eye attached to the viewfinder for several minutes is not easy and it can happen to lose focus losing the fledging.

I have a great respect for those who take pictures like yours because you must apply, not only in the study of photography but also in-depth study of nature. Fatigue is double and matter exterminated. You feel more a scholar of nature or of the photographic discipline?

It 's true. It's important to know the subject that you photograph. To not miss the interesting shots you must know their habits, their movements, their usual feeding areas. Here you need a lot of experience and study of the different species. You can get a lucky shot, but if you want to take home usually interesting photographs, this knowledge is necessary. It allows not only to take better pictures, but also to understand what a certain subject is doing and why. You can for example recognize the pre coupling, the moments before a fledging or prey capture. For the recognition I use an excellent guide book of birds of Europe, North Africa and the Near East written by Lars Svensson.

A provocative question: your images have a strong visual impact, highlight details, saturated colors, good composition, the action taken at the right moment. Thanks to what? Skill, equipment, Photoshop? Out of joke: how important is the photographic process before and during shooting (correct exposure, framing, specific settings of the camera) and how much by the process of editing and "adjustment"?

Here there is the other important factor: the post production. Today all the cameras make good photos and anyone with a little of technique and experience and in favorable conditions can take a pretty picture. But then they stop there, inevitably. The next step, particularly in landscape photography, is the post-production, which allows to get results impossible even with the best cameras. All professional landscape photographers use post-production. And that makes the difference between a good photo and a great one. What few people know is that the post production always existe, since the dawn of photography. Expert photographers and professionals used it in the darkroom - Ansel Adams was a teacher, to name a well-known author. Today we speak about the lightroom, that is the PC. At the time photography was only for experts and professionals, and little was known about techniques of production and post production. Today everyone takes pictures, even with the smartphone, and the term to photoshop become commonplace. But the concept is always the same: the real photography is production and post-production and post-producing capacity is one of the factors that makes the difference between the casual photographer and the expert or professional.
More interesting would be to understand what the post production and what is the line between a simple raw file processing and photomontage or photo manipulation, just to use a very common depecrative term. Forums and photographic circles are full of discussions on this issue. For me the answer is simple: all that can be done in post-production for a serious photo contests is the simple processing of the file, the rest is a smooth transition to photomontage. In photo contests, in fact, in the case of awards also raw files have to be sent to control that some parts of the picture have not been added, removed or changed. Only the controls of saturation, contrast, brightness, sharpness, and a few others, are allowed, those are the main processing parameters of the camera jpg. Double exposures, HDR, luminosity masks, blending, etc. are not allowed, not to mention cloning, filling by content, etc. This is applied in serious photo contests, but this, however, does not preclude that the use of more and more sophisticated techniques is not photography. Excluding documentary photography and sharing Ansel Adams and the greatest master photographers, photography is art, and everything is allowed to get a beautiful and pleasant picture. Ten painters "photographing" the same landscape in ten different ways, according to their style, ability and technique. The same is true in photography. The end is the final image, production and post-production are only the means.
In wildlife photography post-production is less important, but not absent. The important thing is that the subject may not be "manipulated", but removing a blade of grass, a sprig or blur a little the background are common techniques to make the picture more interesting. I know (few) good photographers who do not use post-production, but I know few bad photographers that make a good post production. So, returning briefly to the tips for beginners, I say do not spend as much in camera gear, but study, study and study again the technique both in production and in post production. And here, unfortunately, it takes as much passion and desire.

Are there some rules to get a good picture? Which shooting parameters do you suggest us to use to get sharp photos, with the right depth of field?

Not everyone knows that the sharpness curve of depending from the lens aperture is a curve comparable to a parabola and at the top there are the intermediate apertures, from around f/5.6 to around f/11, with a few exceptions. These are the aperture that should always been used. If I want a good depth of field I will use some apertures approximately f/11, on the contrary I will open the aperture around f/5.6, unless you use super tele lens, where you can get excellent sharpness even at the widest apertures.

In your photography there is also a hint of macro photography, a genre in many ways different from your typical photography. What are the major differences in terms of photographic approach? What "world" you like most and why?

My photography is typically landscape and wildlife, especially birds, and only secondly I shoot macro, or better, close-up photography. It's hard that I go out with the intention of doing close up photography; it happens sometimes, but it is easier that walking outdoors I may see an interesting small subject and then I decide to shoot. To make real macro photography requires a special equipment, such as geared tripod head, extremely precise but also heavy. It is a further specialization of nature photography, certainly very appealing, but that requires special photo sessions, and this is the reason why I have not detailed it. However this does not exclude that in the future I can also turn to the real macro.

From a dynamic photography like wildlife, it seems you relax in your landscapes. Landscapes placid, saturated, where you seem to bask in front of the beauty of the world. I would define those landscapes passive (not in the negative sense but in the contemplative sense of the term) in which you must enter with the right "slow". It's a kind of retaliation at the speed that "mobile" nature requires?

I'll give you my most sincere congratulations, you have perfectly caught the essence of my photography! The photography of birds is in some sense stressful, switching from long sessions of waiting to moments of action even extreme, such as grasping a passerine small and fast as the kingfisher in flight. In a few moments you have to change the settings of the camera "by heart", without taking your eye away from the viewfinder, and be more than ready to shoot, knowing that perhaps the next view is after another interminable waiting period. Here I photographe the nature life, alive, wild and unfortunately also cruel. Landscape photography is perhaps the exact opposite. Here I try to photograph the beauty of nature, through a sort of my personal contemplation. In both cases, however, when I photograph I feel an intense emotion, both admiring a bird on a branch or a majestic colorful sunset. I often spell and come almost kidnapped and my intent is to record my emotions and, at least in part, make them live to others through my images. However I could never have the same passion if I had such admiration and wonder for nature.

You've photographed New York and its jungle of concrete, glass and steel. Which parallels do you find between the urban landscape than natural one? Composition rules and mechanisms that decreed the success of a photo are the same?

New York is extremely photogenic, especially at night, when the colored lights illuminate the city. The urban photography is not my photographic genre, but in some moments I felt some good feelings. The warm lights of the sunset that fall and wrap around the metropolis, maybe shoot from a new perspective for me, as may be the top of a skyscraper, has allowed me to relive those moments of awe and wonder that generally I feel only with nature. From a photographic point of view an extremely man-made landscape, which is a metropolis, it does not differ much from a bucolic landscape. The rules are the same, both as regards the exposure, as for technical and composition. There are always the usual marked differences in exposure between sky and land that should be carefully dosed.

How important is the image asset management? What are the precautions you put in place? Do you often backup? Do you have multiple storage media? Do you divide your photos into categories? Places? Years?

The image asset management has its own importance and personally I think it is the most boring part of the photography. I manage my files in folders named by the year, month and location shooting, apart from a few sites where I go more often and for whom I have the individual folders named without year and month. In this way I always find quickly my photos. As for security, I have two internal hard drives 3TB each mirrored only for the photos, the second makes the backup copy of the first one by a particular software.

Thank you for your kindness and availability.

Thanks to you.

"CONOSCIAMOCI MEGLIO"

Breve dialogo con il fotografo naturalista Roberto Melotti. A cura di Maurizio Maestri.

Ciao Roberto, iniziamo con una domanda pratica anzi praticissima: la fotografia naturalistica della quale tu sei un bravissimo interprete presuppone l’utilizzo di attrezzatura ingombrante e pesante quali teleobiettivi, treppiede, senza poi contare la fotocamera, mimetizzazioni ed accessori vari. Ma… quanto pesa la tua borsa fotografica? Ad un principiante del genere cosa consiglieresti di portare agli inizi onde evitare peso inutile?

E' vero, la fotografia naturalistica presuppone un'attrezzatura ingombrante e pesante, sopratutto se ci si dedica a tutti i campi della stessa che sono macro, paesaggio e animali sia da capanno che in caccia fotografica. Diciamo che non esiste l'attrezzatura fotografica perfetta, perché ogni fotografo ha le sue personali esigenze, che non dipendono solo dal budget, ma anche da tanti altri fattori come qualità, flessibilità, peso, ingombro, ecc. ed ognuno cerca il suo ideale compromesso. Compromesso che un principiante deve trovare per gradi, passo dopo passo, capendo quali sono le sue esigenze. Tendenzialmente suggerisco di iniziare con un corredo APSC, meno costoso sia nel corpo macchina che negli obiettivi rispetto al formato pieno e che “aiuta” a fotografare gli animali distanti con il fattore di crop. Un obiettivo a lunga focale è comunque necessario e il mio suggerimento va per uno zoom intorno ai 100-400 o un 300/4 da associare al bisogno ad un moltiplicatore 1,4x. E' sufficiente poi uno zoom che parta dai 18 fino al medio tele, con possibilità macro, per poter coprire inizialmente tutti i generi della fotografia naturalistica. Se si vuole fotografare abbastanza seriamente è poi necessario un buon treppiedi molto stabile e possibilmente non troppo pesante associato ad un altrettanto stabile testa.

La fotografia naturalistica è oggi più abbordabile di un tempo? In altre parole il progresso tecnologico (raffiche di scatto, elevate sensibilità) rende questo ambito fotografico esplorabile anche dai non specialisti, con risultati più che decorosi. Quanto contano oggi le prestazioni dell’attrezzatura sul risultato? Perchè Nikon? Ed in particolare quale fotocamera ed obiettivi usi più abitualmente?

Due fattori hanno permesso di ottenere delle immagini che fino a una quindicina di anni fa solo i professionisti potevano vantare. Il primo è l'avvento della fotografia digitale, che ha estremamente ridotto i costi e dato la possibilità a chiunque di poter facilmente correggere una fotografia in post produzione. Il secondo fattore è il progresso tecnologico delle fotocamere. Mi riferisco in particolare alla possibilità di esporre ad alti iso con un rumore contenuto, ma anche alla maggiore dinamica dei sensori e ai progressi dell'autofocus. Una raffica di scatto estremamente veloce può essere utile solo in determinate situazioni e comunque è meno importante rispetto alla fotografia sportiva. Quanto pesa nel risultato finale l'attrezzatura? Il mio punto di vista, condiviso da tanti bravi fotografi, è che conti veramente poco. E' sufficiente una fotocamera moderna, anche amatoriale, un obiettivo a lunga focale non necessariamente a grande apertura e un obiettivo tuttofare. Importante è la tecnica, l'esperienza, conoscere il soggetto che si vuole fotografare e tanta tanta passione e volontà, per partire di notte e fotografare all'alba, per fotografare immobile al caldo o al freddo umido, per esplorare zone nuove, sporcandosi e faticando con chili sulle spalle. C'è però anche un altro fattore, molto importante, di cui parlerò dopo.
Ultimamente ho rivoluzionato il mio corredo, passando da APSC a pieno formato con la Nikon D810. Attualmente ho un 14/2,8 come grandangolare estremo, utile anche per la fotografia notturna, avendo un'apertura massima a 2,8, un 16-35/4 per la fotografia di paesaggio, un 24-70, sempre a 2,8, come obiettivo tuttofare. Ho poi un 150-600 per la fotografia ad animali, un 105/2.8 per la macro e un 70-210mm/4 per dettagli di paesaggio. Con questa attrezzatura riesco a coprire abbastanza bene le opportunità che mi si presentano. Uso fotocamere Nikon perché attualmente montano un sensore con una dinamica maggiore rispetto alla concorrenza, ma parliamo comunque di dettagli rilevabili forse solo nelle recensioni con prove di laboratorio.

Si parla spesso di “etica” in fotografia. La si tira fuori spesso in ambiti quali il reportage o la street o nella fotografia scandalistica. Ma l’etica è importante anche in questo genere che impone al fotografo il mantenimento di una purezza di intenti verso l’ecosistema che cerca di riprendere, senza applicare modifiche, turbamenti o, nella peggiore delle ipotesi, una parziale (anche se piccola) distruzione di esso. Quanto è difficile il “rispetto” e il mantenimento dell’atteggiamento corretto?

In campo naturalistico l'etica è importantissima e sarebbe la prima cosa sulla quale mi soffermerei parlando con un principiante (e purtroppo non solo). Fare fotografia naturalistica significa necessariamente avvicinarsi agli animali selvatici ed è fondamentale disturbarli il meno possibile, sopratutto nel delicatissimo periodo della nidificazione. Sembra un concetto molto semplice, ma purtroppo l'ignoranza o l'irresponsabilità porta a situazioni molto gravi, come ad esempio l'abbandono definitivo del nido. Chi fa fotografia naturalistica dovrebbe essere, prima di tutto, un amante della natura in tuttii suoi aspetti. Purtroppo, la voglia adolescenziale di alcuni di esibire lo scatto particolare porta a quelle situazioni di cui purtroppo troppo spesso ne vedo le conseguenze. Non si contano le volte per cui ho perso lo scatto per non disturbare l'animale, ma ne sono contento, felice, non certo rammaricato. Il problema, comunque, sta a monte: si dovrebbero sensibilizzare molto più i bambini in età scolastica alla cultura naturalistica. Non si dovrebbe lasciare un così importante insegnamento ai genitori, nella maggior parte dei casi parecchio ignoranti in materia.

Visionando il tuo sito, si rimane colpiti in primo acchito dalla forte abilità tecnica che mostri nelle tue fotografie. Si sente spesso dire che la tecnica è solo un mezzo per raggiungere un fine ma nel genere sembra questo confine assottigliarsi divenendo essa stessa non solo il mezzo ma anche il fine, ovvero non si può prescindere dalla tecnica altrimentisi perderebbe il fine della rappresentazione della natura. Sei d’accordo?

Sono un amante incondizionato della natura, di tutti i suoi aspetti e dei suoi misteri. La fotografia è la mia personale dedica alla sua bellezza, viva e selvaggia, e la tecnica è il mezzo per esprimerla in tutto il suo splendore.

Oltre ad una buona preparazione teorica e pratica, serve anche molta pazienza. Ci racconti una tua sessione di scatto? Quanto dura in media? Come ti apposti? Utilizzi tecniche di mimetizzazione?

Generalmente quando ho intenzione di fotografare un paesaggio, prima mi documento sulla zona, verifico su Google Earth l'andamento del sole e delle ombre, aspetto le migliori condizioni meteorologiche, parto di notte e arrivo sul posto all'alba per fotografarlo durante le golden hour, ovvero quelle decine di minuti dell'alba e del tramonto dove la luce assume una colorazione dorata, ma amo pure le blue hour, quando il cielo assume nel fotogramma una colorazione blu intensa. Se sono in viaggio, verifico comunque gli aspetti citati sopra e provo a giungere sul posto nelle condizioni più favorevoli.
Per quanto riguarda gli animali, bisogna distinguere se la postazione è in capanno fisso o in mobilità. Nel primo caso giungo quasi sempre all'alba o subito prima e aspetto per ore con tanta pazienza l'evolversi degl ieventi, mentre se sono in mobilità sicuramente mi muovo con un vestiario mimetizzato e con una rete mimetica e/o con un capanno portatile. Questo presuppone la fatica di portarsi appresso parecchi chilogrammi di attrezzatura attraverso sentieri che spesso sono anche fangosi o semi agibili, per cui fanno sicuramente comodo degli stivali di gomma. D'inverno il freddo e l'umidità mettono a dura prova la volontà ad aspettare immobili il passaggio di un animale, ma anche d'estate il caldo, l'afa e gli insetti rendono l'attesa a volte insopportabile, soprattutto sotto un piccolo capanno portatile che fa velocemente da effetto serra.

L’attimo è più che mai importantissimo, come riesci a mantenere alta la tua attenzione in sessioni lunghe? Vivi con l’occhio attaccato al mirino o riesci, tramite l’esperienza e la conoscenza del soggetto ripreso, ad “anticipare” il momento e capire quando sta per succedere qualcosa?

L'attesa è spesso snervante per le condizioni sopracitate. Spesso si stanno delle ore ad aspettare mentre nulla si muove nel territorio, ma non ci si può rilassare, bisogna sempre continuare ad osservare perché, all'improvviso, potrebbe passare in volo un soggetto interessante, per cui bisogna sempre avere pronta la macchina con i settaggi giusti. Ci sono situazioni, comunque, dove la concentrazione viene realmente messa alla prova: ad esempio, capita che un volatile si fermi su un rametto e dopo averlo fotografato staticamente, si voglia riprenderlo anche in fase di decollo. A volte riparte dopo qualche istante, altre volte può decollare anche dopo parecchie decine di minuti. Aspettare che si involi con l'occhio dentro al mirino per diversi minuti non è affatto facile e può capitare di perdere la concentrazione perdendo l'attimo dell'involo.

Ho una grande stima di coloro che scattano foto come le tue perchè è necessario applicarsi, non solo nello studio della fotografia ma anche in uno studio approfondito della natura. La fatica è doppia e la materia sterminata. Ti senti più uno studioso della natura o della disciplina fotografica?

E' vero. E' importantissimo conoscere i soggetti che si fotografano. Per non perdere degli scatti interessanti bisogna conoscere le loro abitudini, i loro spostamenti, le loro zone abituali e di caccia. Qui conta tantissimo l'esperienza e lo studio delle diverse specie. Si può ottenere uno scatto fortunoso, ma se si vogliono portare a casa abitualmente fotografie interessanti, questa conoscenza è necessaria. Permette non solo di fare fotografie migliori, ma anche di capire cosa sta facendo un certo animale e perché lo fa. Si può ad esempio riconoscere la fase pre accoppiamento, gli attimi prima di un involo o di una cattura della preda. Per il riconoscimento mi avvalgo di un'ottima guida cartacea degli uccelli d'Europa, nord Africa e vicino Oriente.

Una domanda provocatoria: le tue immagini hanno un forte impatto visivo, dettagli in evidenza, colori saturi, una buona composizione, l’azione colta nell’attimo significativo. Merito di cosa? Bravura, attrezzatura, Photoshop? Fuor di celia: quanta importanza poni al processo fotografico prima e durante lo scatto (corretta esposizione, inquadratura, settaggi specifici della fotocamera) e quanto ne dai al processo di edizione ed “aggiustamento”?

Ecc ol'altro fattore importante: la postproduzione. Oggi tutte le fotocamere fanno buone foto e chiunque, con un po' di tecnica e di esperienza e in condizioni favorevoli, può fare una bella immagine. Ma lì poi ci si ferma, inevitabilmente. Lo step successivo, in particolare nella fotografia di paesaggio, è la postproduzione, che permette di arrivare a risultati impossibili anche con la migliore delle fotocamere. Tutti i fotografi professionisti di paesaggio fanno postproduzione. E' quella che fa la differenza tra una foto buona ed una ottima. Quello che in pochi sanno è che la post produzione c'è sempre stata, dagli albori della fotografia. I fotografi esperti e i professionisti la facevano in camera oscura – Ansel Adams ne era un maestro, tanto per citare un autore molto conosciuto. Oggi la si fa in camera chiara, ovvero al pc. Al tempo la fotografia era solo per esperti e professionisti, e poco si sapeva delle tecniche di produzione e pos tproduzione. Oggi tutti fanno fotografie, pure con lo smartphone, e il termine photoshoppare è diventato di uso comune. Ma il concetto è sempre lo stesso: la vera fotografiala si fa in produzione e post produzione e la capacità di postprodurre è uno dei fattori che fanno la differenza tra il fotografo occasionale e l'esperto o professionista.
Più interessante sarebbe capire cos'è la postproduzione e qual è il confine tra elaborazione di un file raw e fotomontaggio o manipolazione di una foto, tanto per usare un termine dispregiativo molto comune. Ne sono pieni i forum e i circoli fotografici di discussioni su questo tema. Per me la risposta è semplice: tutto ciò che si può fare in postproduzione per un concorso fotografico serio è la semplice elaborazione del file, il resto è un passaggio graduale al fotomontaggio. Nei concorsi fotografici, infatti, in caso di premiazione si devono inviare anche i file raw per controllare che non siano state aggiunte, tolte o variate alcune parti della fotografia. Sono permessi solo i controlli di saturazione, contrasto, luminosità, nitidezza, e pochi altri, ovvero i principali parametri di elaborazione jpg della fotocamera. Sono quindi vietate doppie esposizioni, HDR, maschere di luminosità, blending, ecc., per non parlare di clonazioni, riempimenti in base al contenuto, ecc. Questo vale per i concorsi seri, ma tutto ciò, comunque, non esclude che l'uso di tecniche ulteriori e più raffinate non siano fotografia. Escludendo la fotografia documentaristica, condividendo Ansel Adams e i più grandi maestri della fotografia, la fotografia è arte, e tutto è permesso per ottenere un'immagine che sia bella e piacevole. Dieci pittori “fotograferanno” lo stesso paesaggio in dieci modi differenti, secondo il loro stile, la loro capacità e tecnica. Lo stesso vale con la fotografia. Il fine è l'immagine finale, la produzione e postproduzione sono solo il mezzo.
Nella fotografia di animali la postproduzione è meno importante, ma non certo assente. L'importante è che il soggetto non venga “manipolato”, ma togliere un filo d'erba, un rametto o sfocare un po' lo sfondo sono tecniche comuni per rendere l'immagine più interessante. Conosco (pochi) bravi fotografi che non fanno postproduzione, ma non conosco scarsi fotografi che facciano una buona postproduzione. Quindi, tornando un attimo ai consigli per i principianti, dico di non spendere tanto in attrezzatura fotografica, ma studiare, studiare e studiare ancora la tecnica sia in produzione che in postproduzione. E qui, purtroppo, ci vuole altrettanta passione e volontà.

Vi sono regole per ottenere una bella immagine? Quali parametri di scatto ci consiglidi utilizzare per ottenere foto nitide, con la giusta profondità di campo?

Non tutti sanno che la curva di nitidezza degli obiettivi in funzione dei diaframmi è una curva comparabile a una parabola e al vertice ci sono i diaframmi intermedi, daf/5,6 a f/11, con alcune eccezioni. Questi sono i diaframmi che dovrebbero essere sempre usati. Se vorrò una buona profondità di campo userò dei diaframmi chiusi a circa f/11, al contrario aprirò il diaframma nei dintorni di f/5,6, a meno di non usare tele super luminosi, dove si può ottenere un'ottima nitidezza anche a diaframmi più aperti.

Nelle tue foto troviamo anche un accenno di fotografia macro, un genere per molti versi differente dalla fauna che sei abituato a riprendere. Quali sono le differenze maggiori in termini di approccio fotografico? Quale “mondo” ti piace maggiormente e perché?

La mia fotografia è tipicamente di paesaggio e animali, in particolare avifauna, e solo secondariamente mi occupo della macro, o meglio, di fotografia a distanza ravvicinata. E' difficile che esca con l'intento di fare fotografia close up, molto più facile è che negli spostamenti in mezzo alla natura possa incontrare un soggetto molto piccolo che mi interessa fotografare. Per fare della vera fotografia macro è necessaria un'attrezzatura apposita, come le teste per treppiedi a cremagliera, estremamente precise ma anche pesanti. E' un'ulteriore specializzazione della fotografia naturalistica, sicuramente molto affascinante, ma che necessita di sessioni fotografiche apposite, ed è questo il motivo per cui non le ho approfondite. Questo comunque non esclude che in futuro mi possa avvicinare anche alla vera macro.

Da una fotografia dinamica come quella faunistica, sembri rilassarti dentro i tuoi paesaggi. Paesaggi molto posati, saturi, dove sembri crogiolarti davanti alla bellezza del mondo. Sono paesaggi che definirei passivi (non nel senso negativo bensì nel senso contemplativo del termine) dentro i quali ci si deve entrare con la giusta “lentezza”. E’ una sorta di contrappasso alla velocità che richiede la natura “mobile”?

Ti faccio i miei più sinceri complimenti, hai colto perfettamente l'essenza della mia fotografia! La fotografia dell'avifauna è in certo senso stressante, si passa da lunghe sessioni di attesa ad attimi di azione anche estrema, come ad esempio cogliere un passeriforme piccolo e veloce come il martin pescatore in volo. In pochi istanti si devono cambiare i settaggi della fotocamera “a memoria”, senza staccare l'occhio dal mirino, ed essere prontissimi a scattare, ben sapendo che magari il prossimo passaggio avverrà dopo un altro interminabile periodo di attesa. Qui fotografo la vita della natura, viva, selvaggia e purtroppo anche crudele. La fotografia di paesaggio è forse l'esatto contrario. Qui provo a fotografare la bellezza della natura, attraverso una sorta di mia personale contemplazione. In entrambi i casi, comunque, quando fotografo provo un'intensa emozione, sia ammirando un uccello su un rametto, che un maestoso tramonto colorato. Spesso mi incanto e vengo quasi rapito e il mio intento è di registrare le mie emozioni e, almeno in parte, farle vivere ad altri attraverso le mie immagini. Non potrei mai, comunque, avere la stessa passione se non avessi tale ammirazione e meraviglia per la natura.

Hai fotografato New York e la sua giungla di cemento, vetro ed acciaio. Che analogie riscontri nel paesaggio urbano rispetto a quello naturale? Le regole di composizione e i meccanismi che decretano la riuscita di una foto sono gli stessi?

New York è estremamente fotogenica, soprattutto di sera, quando le luci colorate illuminano la città. La fotografia urbana non è certo il mio genere fotografico, ma in alcuni momenti ho provato delle belle emozioni. Le luci calde del tramonto che calano e avvolgono la metropoli, riprese magari da un punto di vista nuovo per me, come può essere la cima di un grattacielo, ha permesso di farmi rivere quei momenti di stupore e meraviglia che in genere provo solo in mezzo alla natura. Dal punto di vista fotografico un paesaggio estremamente antropizzato, quale è una metropoli, non si discosta tanto da un paesaggio bucolico. Le regole sono le stesse, sia per quanto riguarda l'esposizione, che per tecnica e composizione. Ci sono sempre le solite marcate differenze di esposizione tra cielo e terreno che vanno attentamente dosate.

Quanto è importante la gestione dell’archivio fotografico? Quali sono le accortezze che metti in atto? Fai spesso backup? Hai più supporti di archiviazione? Suddividi le foto per categorie? Luoghi? Anni?

La gestione dell'archivio fotografico ha la sua importanza e personalmente la ritengo la parte più noiosa della fotografia. Gestisco i file all'interno di cartelle nominate per anno, mese e luogo di scatto, a parte alcuni siti dove vado più spesso e per i quali ho delle singole cartelle nominate senza anno e mese. In questo modo trovo sempre velocemente la foto che cerco. Per quanto riguarda la sicurezza, ho due hard disk interni da 3TB l'uno in mirroring per le sole foto, il secondo fa la copia backup del primo via software in automatico in modo differenzialea possibilità al prossimo!

Ti ringraziamo della tua gentilezza e disponibilità.

Grazie a voi.